Guide

I 3 monumenti di Roma più belli

I monumenti di Roma sono senza ombra di dubbio il più evidente e alto segno che si tratta di una città eterna. Infatti, a Roma si trovano dei simboli spettacolari dell’Impero Romano e anche numerose opere che sono testimonianze di questo regno. Vi sono inoltre, tantissimi capolavori d’ingegneria architettonica ma anche siti archeologici, palazzi, basiliche e tante chiese. Da non sottovalutare poi, la presenza di viadotti, ponti ed elementi architettonici vari: è anche possibile trovare un alloggio in pieno centro e scovare la maggior parte dei monumenti passeggiando nell’area storica. Vediamo adesso, quali sono i 3 monumenti assolutamente da non perdere per chi visita Roma e come imparare a conoscerli.

1 – Colosseo

Simbolo di Roma per eccellenza il Colosseo rappresenta senza ombra di dubbio un’opera architettonica straordinaria, soprattutto se contestualizzata nei suoi anni. Parliamo del cosiddetto Anfiteatro Flavio, realizzato nel 72 dopo Cristo e inaugurato nell’80 d.C. dall’imperatore Tito. È un anfiteatro il cui asse maggiore raggiunge i 187,5 metri con un’arena immensa al centro. Quel che resta del Colosseo a oggi è stato inserito nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità dell’UNESCO e si trova nella strada dei Fori Imperiali. Chi visita Roma di certo, non può non fare una visita al Colosseo, che può essere anche visto dall’interno.

2 – L’Altare della Patria

L’Altare della Patria è uno dei monumenti simbolo di Roma, realizzato in onore di Vittorio Emanuele II, tant’è che viene chiamato “il Vittoriano”. Si trova alle spalle del Campidoglio, ovvero il palazzo municipale di Roma e si affaccia su piazza Venezia. Realizzato dall’architetto Giuseppe Sacconi, custodisce dal 1921 le spoglie del Milite Ignoto. Dunque ha anche un importante valore storico. È stato realizzato tra il 1885 e il 1935, rappresenta il monumento celebrativo in assoluto dell’Unità d’Italia e della libertà conquistata dalla Nazione. Grazie ai suoi complessi scultorei, rappresenta tutte le virtù italiane, ovvero l’azione, il pensiero, la forza, il diritto, la concordia. Ma anche: l’amor patrio, il lavoro e i mari per la presenza delle due fontane. Vi sono anche statue dedicate alle Regioni d’Italia come quella della fede, della pace, della sapienza nonché le quadrighe dell’unità della Patria e quelle della libertà dei cittadini.

3 – Colonna Traiana

La colonna Traiana si trova all’interno del foro di Traiano davanti alle Domus romane di Palazzo Valentini. A pochi passi da piazza Venezia, questa colonna rappresenta e simboleggia l’importanza dell’Impero romano a quei tempi, ovvero sotto il regno dell’imperatore Traiano. È stata realizzata per celebrare la conquista Romana della Dacia, avvenuta tra il 101 e il 106 dopo Cristo. Il suo impatto visivo, la rendono un simbolo per eccellenza della storia romana. Fu inaugurata il 12 maggio del 113 d. C. e ha delle dimensioni molto imponenti, con i suoi 40 metri di altezza in totale. Tutta ricoperta di bassorilievi è un elemento scultore davvero particolare, con uno stile dorico riadattato.

Le bellezze di Roma

Ridurre a pochi numeri l’elenco dei monumenti di Roma non è facile anche perché la Capitale è una delle città più ricche sotto questo aspetto. Di conseguenza, vorremmo sottolineare che c’è tanto altro da vedere come ad esempio l’Ara Pacis, i Fori Imperiali, il Mausoleo di Augusto, ovvero Castel Sant’Angelo o il Pantheon. Insomma, chi visita Roma non si annoierà di certo, ma non può non vedere i tre simboli citati!