Guide

Basilica dei Santi Giovanni e Paolo al Celio

La Basilica dei Santi Giovanni e Paolo al Celio, sorge nell’omonimo quartiere di Roma. E’ una struttura molto interessante, realizzata nel 1951 ma che all’inizio della sua costruzione è databile al XI secolo. Completamente in stile paleocristiano con l’aggiunta di elementi in barocco successivamente, è dedicata a i Santi Giovanni e Paolo. La sua storia è ricca di colpi di scena ma soprattutto, rappresenta una importante Basilica per chi è di Fede Cristiana.

La storia della Basilica dei Santi Giovanni e Paolo al Celio

La storia della Basilica dei Santi Giovanni e Paolo al Celio distribuisce nel corso di due millenni. Infatti si chiama in questo modo poiché due ufficiali romani che furono vittime della persecuzione di Giuliano Imperatore, furono sotterrati nel luogo dove sorgeva la loro casa. Nel tempo questo divenne luogo di pellegrinaggi e di conseguenza, si decise poi di costruire una chiesa. Nel V secolo divenne una basilica che più volte è stata distrutta fino a quando non è stata poi costruita e ristrutturata in maniera un po’ più dettagliata. Nel corso degli anni ha avuto tantissime trasformazioni adeguandosi al gusto del tempo ricorrente. Questa chiesa a tre navate, nel Settecento ha perso ogni traccia della facciata romanica e poi c’è stato un ripristino di questa facciata nel 1952 su volontà dell’arcivescovo di New York, ovvero il cardinale Spellman.

Le opere nella Basilica dei Santi Giovanni e Paolo

La Basilica dei Santi Giovanni e Paolo nel quartiere Celio ospita un grande affresco del Pomarancio. Si tratta di un affresco che si trova proprio al centro dell’abside. Nella lapide poi si ricorda con un’opera il martirio dei due ufficiali romani che furono uccisi da l’imperatore Giuliano. Dalla strada che costeggia la basilica è possibile accedere alle case romane del Celio, ovvero 20 ambienti dipinti che risalgono al periodo compreso tra il I e il IV secolo.