Guide

Basilica di San Giovanni in Laterano

La Basilica di San Giovanni in Laterano è un Basilica molto importante che vale assolutamente la pena visitare per chi decide di conoscere angolo per angolo la città eterna. Realizzata nel 1735 in maniera conclusiva, fu consacrata la prima volta nel 324. A fondarla fu Papa Milziade e gli architetti che se ne sono occupati sono stati Domenico Fontana, Giacomo della Porta, Francesco Borromini, Alessandro Galilei e Francesco Perpignani. Nel suo stile paleocristiano medievale, con inserti rinascimentali e poi barocchi, rappresenta un gioiello assolutamente da non perdere. Per la sua storia è un po’ come la madre di tutte le chiese al mondo.

La storia della Basilica di San Giovanni in Laterano

La Basilica di San Giovanni in Laterano sorge vicino al Montecelio e quindi è stata realizzata nel luogo della Basilica eretta da Costantino sul 314 sulla proprietà della famiglia dei Laterani. Tacito racconta negli Annali che questi terreni furono confiscati dell’imperatore Nerone dopo la congiura dei Pisoni. Da lì nacque una chiesa e poi vi fu la consacrazione. Nel tempo però è stata oggetto di numerosi danni e forzature tant’è che è stato necessario ristrutturarla e ricostruirla in varie fasi fino ad arrivare ai giorni nostri. Nel ventesimo secolo c’è stato l’ultimo restauro con un pavimento cosmatesco che è stato inserito dopo essere stato recuperato da Caserma degli equites singulares.

Il museo e l’ultima ristrutturazione

Affiancato alla Basilica di San Giovanni in Laterano, vi è anche un museo con tutti gli arredi liturgici preziosi, nonché il chiostro di Pietro. Il chiostro è completamente realizzato in marmo, all’interno ospita anche sculture dell’antica Basilica. Ad oggi è da considerare come la madre di tutte le chiese e quindi una struttura ecclesiastica che accoglie un grande numero di fedeli. Inizialmente era nata con lo scopo di fare riunioni pubbliche per amministrare la giustizia, oggi è un luogo di culto riconosciuto in tutto il mondo.