Guide

Basilica di San Lorenzo in Lucina

Conoscete la basilica di San Lorenzo in Lucina? Si tratta di una chiesa che può essere considerata tra quelle più antiche di tutta la capitale. Nasce nel IV e V secolo edificata su una Domus di proprietà della matrona romana di nome Lucina. Infatti, queste donna aveva creato una sorta di chiesa domestica e quindi da lì, sarebbe nata poi la basilica come la conosciamo oggi. In realtà, secondo un’altra teoria, molto probabilmente il nome della chiesa si rifà alla presenza di un antico tempio dedicato a Giunone Lucina. Infatti, si tratta di una struttura in cui i romani andavano ad attingere l’acqua miracolosa. Questo è anche più credibile perché vi era stato un ritrovamento di un pozzo adornato con un mosaico. Ciò, quindi fa subito pensare, insieme poi anche a tutte le pareti affrescate rinvenute, che quello probabilmente era il luogo in cui si attingevano le acque miracolose.

La Basilica di San Lorenzo in Lucina, la storia

La Basilica di San Lorenzo in Lucina fu consacrata nel 440 da Papa Sisto III e poi ricostruita con papà Pasquale II nel XII secolo. Lì è stato realizzato questo Portico affiancato da due leoni in marmo. Inoltre, sempre in quel periodo furono realizzati il campanile a 5 ordini e l’abside medievale. Ci sono anche delle iscrizioni risalenti al XII secolo tra cui quella fatta da Papa Celestino III nel 26 maggio 1196.

Visitare la Basilica

La Basilica di San Lorenzo in Lucina si trova in via in Lucina 16 ed è aperta tutti i giorni fino alle ore 20. È anche possibile fare delle visite guidate per scoprirne tutti gli aspetti. E’ però necessario sempre prenotare. Una delle caratteristiche di questa chiesa sta nel fatto che all’interno è ricca di opere di spessore ed inoltre, all’interno della Basilica sono sepolte varie persone, come ad esempio il pittore francese Nicolas Poussin.