Guide

Basilica di San Paolo fuori le mura

La Basilica di San Paolo fuori le mura è una delle più famose, conosciute ed apprezzate chiese di tutta Roma. Parliamo di una struttura molto imponente, particolarmente amata dai Cattolici ma anche dai turisti provenienti da ogni parte del mondo. Dedicata a Paolo di Tarso, fu consacrata nel IV secolo. In stile paleocristiano, il suo completamento per vederla come si conosce oggi risale al XX secolo. Rientra tra le basiliche papali di Roma ed è la seconda più grande dopo quella di San Pietro in Vaticano. Si trova in via Ostiense nel quartiere così chiamato vicino alla riva del Tevere. E’ fuori dalle mura di Aurelio ed inoltre, si racconta che sorge sulla tomba dell’apostolo Paolo. È considerata come patrimonio dell’umanità dall’Unesco a partire dal 1980.

La Basilica di San Paolo fuori le mura, la storia

La Basilica di San Paolo fuori le mura, come già accennato, è uno dei capolavori della città eterna. Prima della Basilica, si racconta ci fosse la sepoltura di Paolo da parte di Costantino. In pratica viene anche chiamata come la Basilica dei tre imperatori. Infatti, fu costruita dopo essere stata praticamente quasi distrutta sotto il regno dei tre imperatori Teodosio I, Graziano e Valentiniano II. Nel 1823 fu oggetto di un disastroso incendio. Fu ricostruita fino a quando non è stata poi realizzata nuovamente per volontà di Leone XII che ne indica la necessità di realizzarla nuovamente. Ad oggi è un gioiello architettonico molto importante.

Visitare la Basilica di San Paolo fuori le mura

È possibile visitare la Basilica di San Paolo fuori le mura tutti i giorni dalle 8:30 alle 18 previa prenotazione e l’ingresso è libero. È assolutamente da non perdere perché al suo interno ha anche numerose opere come il chiosco da vedere, nonché il giardino monastico che riproduce l’Eden biblico. Da vedere la tomba dell’apostolo, l’altare centrale e il ciborio gotico di Arnolfo di Cambio che si trova all’interno della struttura.