Guide

La festa de Noantri

La festa dei Noantri è un appuntamento molto atteso dai Romani. Parliamo di una festa che si tiene in zona Trastevere. I trasteverini la aspettano e chiamano questa festa con l’appellativo “di noialtri”. Infatti, chi vive al di là del Tevere si sente come se fosse un po’ distante e altra cosa rispetto ai romani. L’origine di questa festa si rifà alle celebrazioni religiose in onore della Madonna Fiumarola, ovvero Madonna del Carmine.

Le origini della festa dei Noantri

La festa dei Noantri e delle origini molto antiche. In pratica, già a partire dalle 1535, alcuni pescatori trovarono la statua della Vergine Maria nella foce del fiume. Questa statua fu donata ai Carmelitani della chiesa di San Cisogono. In seguito arrivò nella sua sede attuale, ovvero presso la chiesa di Sant’Agata al largo San Giovanni De Matha. Questa statua viene portata via dalla sua dimora sono una volta all’anno, ovvero il primo sabato che segue la festa della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo del 16 luglio. Viene portata sul bacino idrico del fiume in processione e per le strade del rione per la celebre festa di Noantri.

L’appuntamento della festa popolare

La festa dei Noantri è molto sentita soprattutto nel quartiere di Trastevere. Il popolo romano partecipa a tutte le manifestazioni e l’intero quartiere si riempie di manifestazioni teatrali, musicali e di bancarelle. Poiché cade nel periodo estivo, anche i ristoranti partecipano con la scenografia di osterie all’aperto che si riempiono di turisti e di persone. La festa liturgica inizialmente era stata promossa dal fascismo per risvegliare le tradizioni italiane popolari, ma poi è diventata oramai parte della cultura romana, in particolare per chi vive nel quartiere Trastevere. Nel tempo è diventata sempre di più una festa turistica e continua però ad avere un sentimento religioso particolarmente forte.