La piccola Londra

La piccola Londra a Roma è una di quelle aree che la Capitale nasconde e non è molto conosciuta. I Romani, spesso tendono a promuovere solo le parti più famose della città eterna. In realtà, tra via Flaminia e viale del Vignola vi è una stradina ricca di palazzi, quella completamente pedonale, pavimentata con sanpietrini, dove ci sono delle case con le facciate colorate, inferriate in ferro e dei piccoli cancelli, nonché scalinate in pietra e portoni in legno. E’ uno stile completamente britannico simile a quello di Notting Hill, cioè questa zona che richiama un po’ qualche quartiere di Londra. Ecco perchp si chiama “La piccola Londra”.

La storia sul quartiere britannico a Roma

Il quartiere chiamato piccola Londra a Roma, nasce quando Ernesto Nathan sindaco Anglo italiano del 1909 aveva deciso di portare un pezzo della Capitale al livello di altri capitali europee. Ecco perché realizzò un piano regolatore dove le costruzioni dovevano essere un massimo di 24 metri di altezza e tutte dovevano essere munite di un cancello in ferro. All’arrivo che questa normativa comunale, l’architetto Quadrio Pirani realizza questa stradina residenziale con degli edifici di questo genere tutti colorati in stile liberty. Un modo per dare omaggio al sindaco della città e alla sua origine. Le case in questo rione sono abbastanza care.

Come visitare la piccola Londra Roma

Per visitare la piccola Londra di Roma nel quartiere Flaminio, bisogna recarsi in via Bernardo Celentano che è il nome esatto di questa strada. La traversa che si trova nel quartiere è distante circa 20 minuti a piedi da Piazza del Popolo e a 900 metri dal museo Maxxi in via Guido Reni.