Guide

Parco degli acquedotti

Nel quartiere Appio Claudio di Roma si trova il Parco degli acquedotti. Questa struttura è un parco cittadino che si trova nel Municipio VII di Roma. Si estende per circa 240 ettari e appartiene al parco regionale dell’appia Antica. Si chiama in questo modo perché all’interno sono presenti i resti di Sette acquedotti Romani che rifornivano tutta l’Antica Roma. Quell’area si chiamava anche Roma vecchia perché c’era un casale all’interno che aveva questo nome. L’intera zona a partire dal 1965 con il piano regolatore era stata destinata al verde pubblico liberata dalle baraccopoli ed espropriata. Da anni è uscito un bellissimo progetto di recupero in questa intera zona. Alcuni cittadini, infatti a partire dal 1986 crearono il comitato per la salvaguardia del parco degli acquedotti di Roma vecchia, proprio per garantire la fruizione di tale spazio pubblico.

La bellezza del parco degli acquedotti di Roma

Il parco degli acquedotti di Roma è davvero, un angolo all’aria aperta. Visitarlo vale la pena in quanto la vista del parco spazia fino ai Castelli Romani e tutti i quartieri limitrofi del territorio romani. All’interno è possibile trovare resti archeologici come la chiesa parrocchiale di San Policarpo, nonchè anche gli acquedotti Anio novus e Claudio. Tali acquedotti furono iniziati da Caligola.

I luoghi di interesse nel parco

Nel parco degli acquedotti di Roma ci sono tanti altri elementi di interesse come il campo barbarico, dove vi è la doppia intersezione degli acquedotti Claudio e Marzio. Vi è il Casale di Roma vecchio del XIII secolo, il Casale del Sellaretto, la tomba dei Cento Scalini e la Villa dei Sette bassi. Vi è anche la Villa delle vignacce e Tor fiscale, ovvero una torre medievale. In più si trova la Marrana dell’Acqua Mariana, ovvero un pozzo artificiale realizzato da Papa Callisto nel 1122. Insomma, una serie di strutture molto suggestivi.