Guide

Torre degli Annibaldi

La torre degli Annibaldi è una torre che si trova in via del Fagutale e fu costruita nel 1204 da Pietro Annibaldi, il cognato del Papa Innocenzo III. L’edificio, si trova nella parte terminale di una delle Tre Cime del Colle Esquilino, ovvero quella del Fagutale. È una struttura molto imponente, che faceva parte del complesso di Santa Maria in monastero una sorta di chiesa Castello fortificato proprio molto simile al monastero degli Santissimi Quattro Coronati. Nel 1216 al 1220 ha ceduto il complesso ai conti di Tuscolo, prima di darlo agli Annibaldi. Quando però nel XVI secolo la famiglia cadde in rovina, la torre poi passò ai Maroniti.

La storia della torre degli Annibaldi

La famiglia degli Annibaldi costruì la torre degli Annibaldi in opposizione alla famiglia antagonista, ovvero quella dei Frangipane che avevano invece la Roccaforte nel Colosseo antistante. La torre sorge su dei resti romani che furono trovati sul fagutale. Infatti, sorge sul Ninfeo di via degli Annibaldi. La costruzione è ancora adesso visibile. L’opera di questa torre è ancora oggi ben visibile. Quando la casata perse di importanza, la torre fu ceduta ai Maroniti che sono ancora oggi proprietari dell’edificio. La struttura è stata anche recuperata e oggi è ben tenuta nonostante, il trascorrere del tempo.

La fama della torre nel Medioevo

Nel corso del Medioevo, la torre aveva una fama molto particolare. Infatti, la torre degli Annibaldi, tristemente nota perché vicino alla famosa Lupa Capitolina. In questa zona quindi venivano tagliate le mani dei ladri su una base di pietra vicino a un muro di con dei grappi di ferro. Quindi quelli che avevano trafugato oggetti preziosi delle chiese o avevano fatto altri furti, venivano lì puniti in un modo alquanto rozzo e severo. La Torre si trova in via del Fagutale numero 4 ed è ancora lì, maestosa e visibile in tutta la sua bellezza.