Guide

Villa Celimontana

La Villa Celimontana di Roma rientra tra i parchi storici e le ville nobiliari più belle di tutta la città eterna. Si trova nel Municipio I di Roma nel rione Mattei Celio. Con il suo parco di circa 110 mila metri quadri, questa villa è quello che resta del Giardino dei Mattei Celio, costruito nel XVI secolo e poi trasformato nel corso del tempo, con una struttura attuale completamente differente. È possibile visitarlo dagli ingressi di Piazza San Giovanni e Paolo e via della Navicella. Questo parco ha subito delle profonde trasformazioni negli anni. Infatti, Ciriaco Mattei è stato uno di quelli che li ha trasformati maggiormente realizzando dalla vigna un giardino, invece ricco di fontane di statue insieme a maestranze, architetti ed artisti. La villa è stata di proprietà della famiglia Mattei fino all’inizio dell’Ottocento.

La storia di Villa Celimontana

Fino all’inizio dell’800, la Villa Celimontana è stata di proprietà della famiglia Mattei fino a che non si estinse la linea maschile. Dopo vari passaggi di proprietà, nel 1926 la struttura venne consegnato alla Reggia Società Geografica Italiana, il parco invece è stato aperto alla cittadinanza a partire dal 1928 e considerato come verde pubblico. Già però, Ciriaco Mattei aveva concesso l’apertura del giardino al popolo romano almeno una volta all’anno in occasione del pellegrinaggio alle Sette Chiese, istituito da San Filippo Neri.

L’obelisco della Villa nobiliare

All’interno del parco di Villa Celimontana si trovano varie opere artistiche e scultoree. In primis, l’obelisco capitolino ristrutturato nel 2008 e 2009. Nel 2010, invece, è stato ristrutturato “Il Ninfeo dell’uccelliera”, ovvero questa particolare fontana che è possibile visitare. In particolare, l’obelisco si trovava in terra presso l’Aurora Coeli nel 500. E’ davvero molto caratteristico ed in epoca romana si trovava presso l’iseo in Campo Marzio. Ora è visibile nel parco della dimora.